VERONA – Città dell’amore? Il congresso della destra cristiana divide l’Italia

Circa 20.000 persone hanno protestato a Verona – una conferenza che ha portato una rete globale di attivisti anti-gay, anti-aborto e anti-femminista nella città del nord Italia.

L’ospitalità del World Congress of Families (WCF), una coalizione statunitense che promuove i valori della destra cristiana, è stata particolarmente controversa in Italia in quanto sostenuta dalla Lega di estrema destra, un partner nel governo di coalizione del Paese. Matteo Salvini, leader del partito e vice primo ministro italiano, ha parlato all’evento sabato sera.

Ha detto che era lì “per sostenere una giornata di festa con un sorriso: il diritto di essere madre, padre e nonno”. Salvini si è impegnato a non cambiare la legge italiana sull’aborto, nota come legge 94, ma ha affermato che il paese ha bisogno di invertire la sua popolazione in calo. “Gli italiani devono iniziare a portare bambini nel mondo. Un paese che non fa figli è un paese che muore.”

La protesta è stata riunita da circa 70 associazioni di diritti di tutto il paese.

“L’unica cosa positiva che emerge da questo evento è che tutti questi gruppi si sono uniti e l’Italia si sta unendo”, ha detto Luisa Rizzitelli, portavoce di Rebel Network, un gruppo di donne.

“Questa è una battaglia per proteggere i diritti e la libertà per tutti, non solo per un gruppo. Siamo tutti in pericolo. Questo congresso non riguarda la religione ma il potere politico e non accettiamo questa pericolosa regressione “.

Yuri Guaiana, responsabile della campagna per All Out, un’associazione per i diritti degli omosessuali, ha dichiarato: “Hanno detto cose terribili su omosessualità, divorzio e contraccezione, eppure [quelli coinvolti con la WCF] hanno fatto le vittime dicendo che li stavamo attaccando semplicemente per difendere la famiglia. “Ecco perché è importante protestare – mostrare che l’Italia non si arrenderà all’odio”.

Altri oratori hanno incluso Brian Brown, il presidente della WCF, che ha combattuto contro il matrimonio tra persone dello stesso sesso negli Stati Uniti; Theresa Okafor, attivista nigeriana che ha paragonato gli omosessuali al gruppo terroristico Boko Haram; e Lucy Akello, un politico ugandese che ha aiutato a passare una legge anti-gay che definisce l’ergastolo come la pena massima per l’omosessualità in Uganda. Tra i delegati c’erano i leader russo-ortodossi e mormoni e Katalin Novák, il ministro ungherese per gli affari familiari.

Il congresso è stato snobbato dal partner della coalizione della Lega, il Movimento a cinque stelle (M5S), anche se uno dei suoi senatori, Tiziana Drago, si è ribellato e ha parlato all’evento venerdì nonostante un ordine di partito contro qualsiasi partecipazione.

“M5S è molto ambiguo, e per questo non possiamo essere certi che difenderanno i diritti”, ha detto Guaiana.  (traduzione e adattamento da The Guardian)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here