La Romania si muove per bloccare il proprio candidato dal ruolo del PM dell’UE

Laura Codruţa Kövesi considerata favorita nonostante l’opposizione del ministro della giustizia

Il ministro della giustizia rumeno ha promesso di fare tutto ciò che è in suo potere per bloccare il candidato lodato del proprio paese per il nuovo ruolo del pubblico ministero dell’UE.

Laura Codruţa Kövesi è stata proclamata commissaria come zar della corruzione dalla Romania per i suoi coraggiosi tentativi di eliminare l’innesto in uno degli stati membri più corrotti dell’UE.

In qualità di capo della Direzione nazionale anticorruzione (DNA), è stata inseguita dai primi ministri, dalla presidenza e dagli ex ministri, dai sindaci e dai membri del parlamento, prima del suo licenziamento per ordine del ministro della Giustizia, Tudorel Toader, nel luglio 2018.

Questa settimana Toader ha dichiarato al sito web rumeno Stiripesurse che l’UE non era a conoscenza degli “abusi commessi da Laura Codruţa Kövesi” quando ha guidato il DNA e ha promesso di inviare le ragioni del suo licenziamento ai suoi colleghi ministri della giustizia dell’UE.

I commenti di Toader accendono i riflettori sulla corruzione pervasiva del suo paese. Lo scorso novembre, la Commissione europea ha avvertito la Romania che la lotta alla corruzione stava andando all’indietro, evidenziando la pressione sul DNA.

Alcuni diplomatici europei ritengono che la Romania dovrebbe essere soggetta alla procedura di sanzione dello stato di diritto dell’UE, se il governo seguirà le proposte di amnistia per cancellare la lista pulita per i politici condannati per corruzione.

Una giuria indipendente di giudici e pubblici ministeri, Codruţa Kövesi, sarà la scelta migliore per guidare la nuova agenzia dell’UE, che si dedicherà alla lotta contro la criminalità IVA transfrontaliera e le frodi contro il bilancio dell’UE.

Una lettera della giuria al consiglio dei ministri e del Parlamento europeo, vista dal Guardian, colloca Codruţa Kövesi come scelta preferita, davanti a un candidato francese e tedesco.

In un’intervista al Guardian del 2015, Codruţa Kövesi ha affermato che il governo rumeno ha sempre cercato di “privarci dei nostri strumenti per limitare le nostre possibilità di indagine”.

Sotto la sua guida, il DNA ha assicurato la condanna per abuso di ufficio del più potente politico in Romania, Liviu Dragnea. È il leader del partito socialdemocratico, che attualmente governa la Romania con i liberali di centro-destra, ed è considerato il capofila degli sforzi per riscrivere le leggi sulla corruzione.

I tentativi del governo di depenalizzare la corruzione hanno portato ad alcune delle più grandi proteste di piazza in Romania dalla caduta del comunismo, mentre suonavano campanelli d’allarme a Bruxelles.

La Romania, che detiene attualmente la presidenza di turno dell’UE , non può porre il veto alla nomina dell’EPPO. La scelta della giuria deve essere approvata dalla maggioranza degli Stati membri dell’UE e dal Parlamento europeo, il che significa che nessun paese può bloccare un candidato.

L’ufficio del pubblico ministero europeo è stato istituito da 22 dei 28 stati membri dell’UE nel 2017, inclusa la Romania. L’agenzia dovrebbe essere lanciata al più tardi entro la fine dell’anno prossimo. (theguardian.com)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here